Come diventare Consulente Seo

» » »Come diventare Consulente Seo

Hai appena ricevuto un Preventivo SEO per posizionare il sito web della tua attività, ma il prezzo richiesto per la Consulenza ti sembra troppo elevato (a proposito, se non lo hai già fatto t’invito a leggere l’articolo sui costi di una consulenza seo) e così hai deciso di fare da solo, diventando a tua volta un Consulente, magari solo per la tua azienda.

Nello scenario contemporaneo, Diventare un consulente Seo può costituire un’ottima opportunità sia d’impiego sia di risparmio aziendale,  ma è bene sapere quali sono i passi da percorrere per riuscire a raggiungere questo traguardo.

Prima di tutto, è opportuno non farsi scoraggiare dal percorso di studi che si è scelto, anche se appare del tutto distante dal mondo di Internet: per imparare c’è sempre tempo. Per altro, anche i consulenti Seo più bravi sono costretti a studiare in continuazione, dal momento che in questo settore essere aggiornati non è un plus ma una necessità imprescindibile.

Saper coniugare un minimo di competenza informatica con buone abilità comunicative è un approccio ideale: non è necessario essere programmatori impeccabili, ma una conoscenza di base del codice può essere utile per sapere di cosa si parla quando si ha a che fare con tag e meta description. Per quel che concerne i materiali su cui mettersi a studiare, la Seo è un argomento relativamente recente, ma ciò non vuol dire che manchino i libri che ne parlano: il consiglio, però, è quello di leggere e consultare soprattutto pagine e siti web a tema.

In Rete, infatti, c’è un vasto assortimento di risorse da prendere in considerazione, incluse le community che animano i forum e i social network: si tratta di fonti preziose per approfondire determinate tematiche e per avere un confronto diretto su problemi pratici.
Dopodiché, chi vuol provare a diventare un consulente Seo non può fare a meno di frequentare un corso ad hoc: non è indispensabile, ma può sempre servire, anche per avere a disposizione una guida che indichi i riferimenti principali da non sottovalutare. Il supporto di un professionista in materia è un aiuto di cui approfittare, fermo restando che sarà poi l’esperienza a mettere a frutto tutte le conoscenze accumulate nel corso del tempo.

Chiaramente, prima di iscriversi a un corso è preferibile informarsi su chi sia il docente, per capire se si avrà di fronte un professionista affidabile o meno. Nulla vieta di preferire la formazione privata, e cioè corsi one to one: ovviamente i costi saranno elevati, ma di certo l’apprendimento sarà più mirato e preciso rispetto a quello che potrebbe essere garantito da un corso in aula frequentato da molte persone.

Per quanto possa apparire teorica, la Seo è pratica: ciò vuol dire che di sicuro s’impara ascoltando gli insegnamenti dei docenti, ma soprattutto si impara vedendo gli esperti Seo all’opera e mettendo “le mani in pasta”. Solo così è possibile mettere alla prova le proprie competenze. A proposito, queste devono riguardare una conoscenza approfondita di Google Adwords (per cui è prevista anche una certificazione ad hoc) e dei linguaggi CSS e HTML5, oltre che degli strumenti di link intelligence più importanti: tra gli altri, vale la pena di menzionare OSE, Ahrefs e Majestic SEO, SeoZoom.

Inoltre, chi vuole diventare un consulente Seo non può fare a meno di prendere dimestichezza con tool come Market Samurai e Bing Keyword Research Tool, che sono dedicati – appunto – alla keyword research: fa parte di questo pacchetto anche Google Keyword Planner. Può servire almeno una conoscenza di base di PHP e Javascript, mentre deve essere più articolata quella dei CMS: che si tratti di Magento, di Prestashop, di Joomla o di WordPress, è bene essere consapevoli delle loro configurazioni ottimali.

Ma non è tutto, perché un aspirante consulente Seo è tenuto anche ad approfondire in che modo funzionano i motori di ricerca, sia dal punto di vista degli algoritmi, sia per ciò che riguarda i crawler. Nel bagaglio di conoscenze richieste finiscono anche gli emulatori di spider come Visual SEO Studio e Screaming Frog e i software di web analytics come Adobe Analytics e Google Analytics, senza dimenticare Excel.

Insomma, studiare tanto è indispensabile: a quel punto ci si potrà dedicare alla pratica, curando la propria attività o quella dei propri clienti, senza non prima aver fatto una serie di sperimentazioni da realizzare dopo aver comprato qualche dominio. L’ideale è puntare su una nicchia su cui si è abbastanza ferrati, in modo tale da poter essere certi di riuscire a padroneggiare l’argomento con relativa facilità.

2018-03-14T14:43:42+00:00seo|